Casniic-epòpiö

Sposarsi a Casnigo

 

Un mini guida per coloro (bergamaschi e non) che hanno trovato l’amore a Casnigo e vogliono convolare a giuste nozze.

Ho conosciuto molte persone che hanno trovato l’amore a Casnigo. Ma, dopo un primo momento di comprensibile entusiasmo dato dalla passione, si sono trovati (e si trovano tuttora) di fronte a un ostacolo impervio: la lingua.

Nonostante fossero persone di paesi limitrofi, una volta superato quel Golgota rappresentato dalle mitiche “Rie da Pì”, gli incauti viandanti hanno scoperto che parecchie espressioni dialettali proprie di Casnigo erano a loro completamente sconosciute. Anche adesso, nonostante 20 e passa anni di matrimonio, si trovano spiazzati dinanzi a una ‘boutade’ che per la moglie casnighese, ovviamente, è perfettamente comprensibile ma per loro è l’equivalente del Sanscrito. Quindi se siete di Vertova e la futura suocera vi invita a mangiare il “tapì” saprete che la cena sarà a base di coniglio (che nel resto della bergamasca si chiama “cünì”)

Questo sito vuole, seppur in minima parte, aiutare costoro nella comprensione di questi detti completamente estranei alla cultura dei non casnighesi.

Non tutte le parole qui tradotte sono puramente casnighesi, ma abbiamo preferito rappresentarle comunque data la difficile comprensione immediata.

Bisogna fare attenzione (sia in casnighese che in bergamasco) alla corretta pronuncia: per questo a breve pubblicheremo, a fianco del termine, anche un pulsante per ascoltarne la traduzione:  le registrazioni saranno a cura di casnighesi da almeno quattro generazioni, per rispettare al massimo l’integrità del vocabolo o del motto. Si faccia attenzione, in particolare, che:

  • ö si pronuncia come la œ francese di œufs (uova)
  • ü si pronuncia come la ü tedesca di überall (dovunque)
caronte

Natale a Casnigo

 

Ü Nedal de tance an fa a Casnic
An sia amo sö a la scöla ègia, me fradel l’ia con Maria’Tone, me sorela co la Banchetuna, me ho fac tri agn co la Pecina, chi dol zenquantaquater a ia co la Tonelina o se nò col maestro Stècchino ca l’ga faa’dì e filmine e’giraffone e al ga sonaa la fisarmonica. Men’daa sö da Saspirèt è d’enveren an faa semper la lesa co la cartela. La proa e’coragio per e masc a l’ia pasà da la ria e’Pinoto è fas frontà dal bero o senò faslo a domà corì dre. Chi che olia proà la strea e saltaa sö söl tri rode con Dario dol Plazzì è giò da Röa senza freni, per fortuna en fonta al ghia l’andet è ol portù d’Ösepì’Perani. E’ che bel profom natöral e’boiascia ca to sentiet a pasà m’banda ae ca, e sa l’ia mia odür e’stala a l’ia odür e’poler. Ol dopo mesdè me’ndaa a zögà en de Ic on dol Betenel, buna anche Sot’Corna o fò m’Peta. La sira d’estat, töc giò al Casì n’d’Agher a traga ae darc col’sfranzaplòc. A’zögà a ciche o a peca mür a me’ndaa fò n’dol Segrat, pröma an sa metia d’acorde sul regolament: bù ol spanì, bù ol spanù ecc. E’ sal’gnia so ol temporal e’l’piöia fes, an ga coria dre e n’ciàpaa a pesciade e sorèch che olaa sü dae condoc. Santa Lucia, piò o meno la esistia mia, ol Bambì l’ia poarì, e Re Mage però ergot e portaa, en cema ae preferenze al ghia ol sciopetì coe stopae. E’ per ol l’de ‘Nendal an faa sö ol tapì o senò ol nedrot o l’polastrel. E’ töc al taol co la polenta n’dol mezz: e genitur, la meda, la nona e po töc e pöc… A è bee agn amo a’c’adess, ma chi da’ gliura, quanta’nsia gna mo mia gionnèc, a ge porte a mo n’d’ol cor è ma regorde ca l’endaa semper be töt è l’ia semper töt bù.

A-B-C

 

 

D-E-F

 

G-H-I-L-M-N-O

 

P-Q-R-S-T-U-V-Z